A Pachino Siracusa i bagnanti salvano gli immigrati. (FOTO)

Venerdì 16 Agosto 2013

SIARCUSA – Un gruppo di bagnanti sulla spiaggia di Morghella, a Pachino (Siracusa), ha aiutato la Guardia costiera a trarre in salvo circa 160 migranti, tra i quali figurano diverse donne in stato interessante e una cinquantina di bambini, la maggior parte dei quali al di sotto dei tre anni di età. «Le immagini di Siracusa fanno onore all’Italia, la solidarietà è più forte della paura», ha detto il presidente della Repuibblica Giorgio Napolitano.

CATENA UMANA La segnalazione è stata effettuata, tramite il numero 1530 per le emergenze in mare, da un bagnante che ha avvisato la Guardia costiera della presenza di un barcone a pochi metri dalla riva. Sul posto sono state inviate due motovedette e due gommoni, oltre che una pattuglia da terra. Non appena l’unità si è arenata, alcuni migranti hanno provato a raggiungere la riva a nuoto, ma la maggior parte è stata tratta in salvo dagli uomini della Guardia costiera e dai bagnanti presenti sul posto che hanno formato una catena umana. I bambini sono stati portati a terra dai gommoni della capitaneria, che si sono affiancati al barcone per evitare che si capovolgesse a causa del vento e della risacca.
NAPOLITANO «Le immagini trasmesse ieri dalla TV delle decine di bagnanti, sulla spiaggia di Morghella – Pachino, che si sono spinti generosamente in mare per aiutare profughi provenienti dalla Siria, in gran parte bambini, a raggiungere la riva mettendosi in salvo, sono di quelle che fanno onore all’Italia». Lo dice Giorgio Napolitano in una nota. Le immagini, dice Napolitano, «mostrano come – di fronte alla tragedia, quotidianamente vissuta a Lampedusa e altrove, di quanti cercano asilo fuggendo da guerre e persecuzioni – prevalga negli italiani un senso di umanità e solidarietà più forte di ogni pregiudizio e paura».

20130816_52244_p5 20130816_52244_p8 20130816_52244_p10 20130816_52244_p17 20130816_52244_pachino

Share and Enjoy

Lascia un commento

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint