HOME | Oggi vi racconto un segreto che mi rivelò nonna Angela in punto di morte.

Oggi vi racconto un segreto che mi rivelò nonna Angela in punto di morte.

Oggi vi racconto un segreto che mi rivelò nonna Angela in punto di morte.nonna

Prima di lasciare il suo corpo, mia nonna mi chiamò accanto a sé e mi volle svelare il “segreto della vita”. Mi disse proprio così: “ora ti confiderò un segreto, il segreto della vita”. A quel tempo ero una ragazzino e non capivo perché un donna come mia nonna dovesse morire. Proprio non lo capivo. Era una donna eccezionale mia nonna Angela. Un Donna di grande sagezza; severa; onesta con sé e con il mondo in cui credeva; ironica. Ed insomma in quel giorno che a me sembrava una tragedia, mi chiamò vicino a sé, mi prese la mano e mi disse: “io me ne sto per andare. Ma non devi essere triste. Me ne vado per un po’, perché questo mio corpo è un po’ stanco. Poi ci rivedremo. Ma ora voglio confidarti un segreto. Il segreto della vita.

 


Oggi viviamo in un mondo dove sembra che non esista altro che il denaro e la violenza. Ma non è così. C’è solo una grande confusione. Per vivere bene devi fare una semplice cosa. Che ora ti dirò. Intanto portami un bicchiere d’acqua che ho la bocca secca”.Beh, come ho già detto, a me sembrava già una tragedia che dovesse morire lei. Figuriamoci cosa mi importava delle violenze o del denaro! Però quel discorso lo ricorderò per sempre perché mio nonna stava per svelarmi un segreto. Ero col bicchiere d’acqua in mano e glielo poggiai sulle labbra. Bevve un sorso. Aveva le labbra quasi blu.

 

“Ecco cosa devi fare.” mi disse “Oggi c’è gente che è andata sulla Luna e ci sono pure un sacco di medicine nuove. Però come vedi alla televisione, la gente continua a morire. Una volta tutte queste cose non si sapevano perché non c’era la televisione. E con tuo nonno la sera si andava a letto presto. O magari si stava davanti alla finestra a guardare la neve e la gente che passava. Poi quando le tue zie erano piccole stavamo a raccontare storie di fantasmi o di principesse. Ed allora magari le tue zie si impaurivano o si innamoravano e poi si andava tutti a letto.

 


Ora le storie te le raccontano in televisione o magari le leggi sulle riviste dal barbiere. E così le storie di fantasmi e di principesse non le raccontiamo più perché le raccontano meglio in televisione. Non ti devi immaginare più nulla: vedi le immagini e ti impaurisci o sogni come facevano le tue zie ascoltando le nostre favole. Non è sbagliato tutto questo. Mi dai un altro po’ d’acqua?”. “Certamente” dissi. Non era in ospedale mio nonna ma nel letto della sua camera da letto. Aveva approfittato dell’assenza di altri parenti per parlarmi. Per svelarmi questo segreto.

Non l’aveva detto a nessuno. Lo disse solo a me. “Come ti dicevo: la televisione, le medicine, i viaggi sulla Luna… Non sono cose sbagliate. Perché ti possono fare impaurire o sognare. E provare certi sentimenti non è sbagliato perché noi siamo uomini! E dobbiamo provarle certe sensazioni perché questa è la vita.”Mentre mi parlava era come se non avesse paura di morire. Mi era sempre più chiaro che non stava morendo ma stava solo intraprendendo un nuovo viaggio per portare questo messaggio (che mi stava comunicando) anche ad altre persone e ad altri mondi.”Queste cose” continuò “non sono sbagliate.

 


Ma la cosa che le può rendere “cattive” è che le tue zie che si impaurivano o che si innamoravano sapevano bene che ciò di cui parlavamo io e tua nonno erano solo racconti. Invece oggi se accendi la televisione credi che sia tutto vero; se prendi una pillola credi che non lascerai mai questo corpo; se vai sulla Luna credi che sei a un passo da Dio. C’è una cosa bella in tutto. Se ora ti affacci alla finestra per esempio c’è il sole. Ed è una cosa bella perché fa vivere le piante con i suoi racconti ma se non piove potrebbe farle anche morire. Sono racconti diversi. Uno ti fa sognare e gioire, l’altro ti fa impaurire. Ma sono solo racconti. Vedi ora io so che tu sei triste perché non capisci perché io me ne debba andare. E te la prenderai con qualcuno: magari con Dio, con te stesso, con il mondo che è ingiusto o crudele, con i medici che non mi hanno salvato. Ma questo è solo un racconto. Che magari ti impaurisce e ti intristisce. Ed è giusto che sia così perché sei un uomo e devi provare queste cose.

Ma devi anche sapere che è solo un racconto. Io vado solo da un’altra parte senza questo vestito che chiamiamo corpo. Vado a vedere altre cose. Forse vado anche sulla Luna, ma senza un missile. Vado ad ascoltare altri racconti. Non con queste mie orecchie, ma con altre orecchie. Vado a vedere altri luoghi, ma non con questi occhi. Vado a raccontare le mie storie ad altra gente, ma non con questa bocca. La vita è un bel racconto: che ti fa sognare, ti fa piangere, che ti fa gridare, che ti fa arrabbiare. Perché sei un essere vivente. Anche le piante si arrabbiano e pure il Sole. Anche loro sognano e si impauriscono. Ma il segreto è che è solo un racconto. E così la paura passa perché era solo un racconto e rimane la gioia di poter vivere ed ascoltare nuovi racconti. Anche con corpi diversi.

 


Quindi vivi e ascolta i racconti, anche quelli della televisione, che sono molto belli. Ma sappi sempre che sono racconti altrimenti crederai di vedere la Verità dove Verità non c’è. E sarai sempre triste o forse ti capiterà di essere un po’ triste e un po’ felice. Ed invece devi essere felice per il semplice fatto che riesci ad ascoltare racconti che magari possono sembrare tristi. Come io che sono sul letto e la gente poi ti dirà che sono morta. Ma tu non credergli. E’ un racconto. Un racconto per farti paura. Ma tu sai che non è la Verità. Perché io non sono questo corpo ma sono molto di più. Io sarò sulla Luna o magari in India ad ascoltare e raccontare nuove storie. Non sarò di certo in qualche tomba! Mi fa pure schifo!

 

Ecco il segreto: per vivere la vita” e mi fece un sorriso come quando stava per raccontare una delle sue barzellette “per vivere bene la tua vita devi chiedere consigli agli altri. Se non sai cosa fare, se non riesci a fare qualcosa… Chiedi consiglio agli altri. Ascoltali attentamente e poi informati se hai capito bene cosa ti hanno consigliato ripetendogli cosa ti hanno detto. Per esempio: tu non sai se andare a lavorare a Roma o Milano e loro ti suggeriscono Milano. Allora tu dopo aver ascoltato approfonditamente tutte le loro motivazioni, gliele ripeti e vedi se hai capito bene. E poi alla fine gli dici: bene, allora Milano sembra il posto giusto. Ecco la cosa importante è soprattutto ascoltare le motivazioni, perché ovviamente se uno ti dà un consiglio a caso non serve a niente. Mi passi un po’ d’acqua?”.

 

La nonna mi stava dicendo di ascoltare i consigli degli altri. Ma soprattutto di vedere se erano ben motivati. Era quello l’importante. “Allora… stavo dicendo. Quando finalmente saprai che gli altri ti hanno consigliato di andare a Milano, quando avrai capito bene le loro motivazioni, allora sarai pronto. Fai le valigie e vattene di corsa a Roma!” Forse non avevo capito bene o forse il nonno cominciava a dare i numeri! E la nonna se ne accorse benissimo, sorrise e mi guardò negli occhi. I suoi occhi erano stanchi. E continuò così “Hai capito bene!

 

Ecco il segreto. Vivi la tua vita ma mai quella di un altro. Ognuno di noi è speciale ed unico. E’ questa la vita: un racconto speciale. Ed ognuno di noi non ha Verità ma solo racconti da raccontare. Ma se ci mettiamo a raccontare racconti uguali finiamo per credere all’unico racconto che oggi compare in televisione. Ed il mondo diventerà tutto uguale. E tutti correranno dietro lo stesso racconto credendo che sia la vera vita. Ma ognuno ha la sua vita ed ognuno ha i suoi racconti. Quindi ridi e divertiti perché non moriamo mai. Sono solo i racconti che cambiano, ed è giusto che sia così. Il mio racconto sta per finire ma un altro ne sta per cominciare. Un altro tutto nuovo, magari appena sono sulla Luna ne ascolterò mille nuovi e poi te li verrò a raccontare attraverso i tuoi figli o magari attraverso il sole.

 


Dai, ora vai, che ho sonno. Ma prima dammi un bacio”Uscii dalla stanza. Non rividi più il corpo di mia nonna. Piansi tanto. Ora quando mi guardo intorno o guardo la TV o ascolto qualcuno, sorrido. E mi vengono in mente le parole di mia nonna, in quel giorno di Maggio, quando il Sole era alto e con i suoi raggi raccontava al mondo un’altra delle sue meravigliose storie.

Posted by Clemente Aiello

Please follow and like us: